Navigare Facile

La Storia di Taormina

Storia di Taormina

Il territorio è stato abitato già da prima dell'arrivo dei Greci probabilmente da allevatori di bestiame e da agricoltori; i Greci provenienti da Calcide arrivarono alla baia di Taormina nel 700 a.C. e fondarono Giardini Naxos che all'epoca fu chiamata Naxos. A loro si oppose Dionisio di Siracusa e tale contrasto costrinse i Nassioti a trasferirsi nell'odierna Taormina, l'allora Tauromenion.

Le vicende storiche relative a questi anni sono purtroppo incerte per cui non è possibile fornire indicazioni del tutto affidabili in merito. Sappiamo comunque che Taormina rimase dominio siracusano fino all'arrivo dei Romani che dichiararono provincia romana l'intera Sicilia.

Seguì un violento assedio da parte degli Arabi che distrussero Taormina e che riuscirono a dare avvio al dominio arabo abbellendo il territorio con fontane e giardini, donandole una nuova luce.

L'undicesimo secolo vide come protagonista il Gran Conte Ruggero (Ruggero I di Sicilia), il primo Conte di Sicilia: egli portò a compimento il proprio obiettivo di raggiungere la città e di cingerla d'assedio. Taormina fu inclusa nella diocesi di Messina. Fu poi il turno degli Svevi e degli Aragonesi e infine alla Corona di Spagna.

Con i Borbone la città seppe attirare su di sè le attenzioni di tutta Europa e in particolare di importanti artisti dell'epoca specialmente per via del suo paesaggio ameno e del suo patrimonio storico-artistico. E' da questo momento che Taormina cominciò a diventare meta prediletta del turista d'élite.

Il paesaggio variopinto e i suoi famosi frequentatori resero Taormina uno dei luoghi più ammirati e visitati non solo in Italia ma anche in Europa. La costruzione di innumerevoli strutture alberghiere e la configurazione di un centro pronto ad accogliere i turisti in maniera impeccabile ha accresciuto il successo di Taormina come città turistica internazionale di successo.

Dove